sabato 30 dicembre 2017

Coco. La recensione del nuovissimo film Disney Pixar.

Uscito il 28 dicembre nelle sale cinematografiche, non ho resistito oltre e ieri sono andata a vederlo, accompagnata da mia figlia, unica superstite di questa influenza che gira e decima ove si posa.


Sto parlando di Coco, film d'animazione attualmente nei cinema, creato dalla Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures.

Miguel è una bambino innamorato della musica, purtroppo per lui è nato e cresciuto in una famiglia in cui la musica era stata bandita molto tempo prima, quando la trisavola Imelda fu abbandonata dal marito chitarrista alla ricerca del successo. Imelda infatti, rimasta sola, dovette con fatica crescere la loro figlia Coco, che oggi è la bisnonna inferma del piccolo Miguel.
Nella notte del Giorno dei Morti, Miguel, che sogna di diventare un musicista, decide di ribellarsi alle leggi familiari che vigono da generazioni: sarà proprio questo rompere le regole che lo porterà a vivere un'avvincente avventura nel regno dei morti, dove incontrerà una verità sconosciuta.


109 minuti e una colonna sonora che rapiscono e fanno sognare grandi e piccini.
Questo lungometraggio ha qualcosa di speciale, tocca con delicatezza e intreccia i temi della famiglia e della morte.
Giusto qualche giorno fa, mia figlia di 7 anni mi ha chiesto: "Mamma, ma quando muori sparisci?". Coco ha rappresentato quel difficile concetto che le spiegai con titubanza, incerta sul mio essere stata esaustiva.

Coco è il film dei grandi sentimenti.
Coco è il film dei colori, della vivacità.
Coco è il film della riflessione; abbiamo tutti scheletri familiari nell'armadio, piccoli o grandi rospi da mandare giù, fratture.

Forse un bambino in età prescolare potrebbe non cogliere il senso del film, ma mi sembra quasi impossibile che possa averne paura - come invece ho letto in qualche articolo. I disegni sono teneri, i personaggi delicati - ciascuno nel proprio ruolo - e non si respira il timore ma, sulla narrazione, fluttua costante il sentimento di amore, nelle sue sfumature.

In questi giorni di festa, prendetevi un pomeriggio e godetevi Coco: un capolavoro!