mercoledì 28 febbraio 2018

Evviva la neve!

Quando ero bambina la neve era attesa tra fine novembre e metà gennaio, era copiosa e i ricordi dei giorni a casa ancora oggi suscitano emozioni dolci e positive.

I tempi sono cambiati per tutto, anche per il meteo, e ad oggi l'inverno, quello pungente, arriva a febbraio, se non a marzo.


A Natale i lavoretti di pupazzi e fiocchi di neve hanno in realtà rattristato i bimbi che continuavano a sperare in una sfiocchettata, ma nulla.
Sul finire di febbraio ecco Burian, la perturbazione che ha messo tutta la regione in allerta, dalla costa all'entroterra, scuole chiuse sin dai primi, timidi, fiocchi di neve.

La neve è arrivata e con essa si sono sfoderati guanti, scarponi e tutona: i 'grandi' si sono davvero scatenati, hanno ruzzolato, si sono tuffati, hanno scivolato, su quella neve candida; il piccoletto dopo una passeggiata scomoda su quella cosa bianca e sdrucciolevole, ha optato per latte e coccole di mamma al caldo.


Anche le nostre canine hanno sperimentato la neve con reazioni molto diverse: una si è fiondata a correre e rotolarsi, l'altra nemmeno una zampetta ha voluto sporcare e guardava la follia che si scatenava intorno a lei: adulti che scivolavano seduti su un sacco dell'immondizia, bambini che urlavano giocosi, la sua amica a quattro zampe impazzita.


Immancabile il pupazzo di neve, aiutati dal babbo, che quest'anno prende il nome di Bedica, termine che nel gergo del duenne vuol dire nevica.

Quella giornata. Quella delle scuole chiuse e della strada impercorribile, è una giornata importante, Quella giornata inaspettata in cui ci si ritrova tutti a casa, quella della neve che avvicina grandi e piccini per un momento di condivisione unico, proprio per come è strutturato: i grandi tornano piccoli e i piccoli diventano 'i grandi', che dirigono il gioco e guidano i genitori, nella creazione di un pupazzo, nella scoperta di un covo (un luogo comune che innevato può diventare magico), in quello spirito di leggerezza che noi adulti abbiamo dimenticato.

Ben vengano queste rare giornate!