mercoledì 16 maggio 2018

Leggere ai bambini e le giornate di lettura

Nonostante io ami leggere non sono mai stata una grande lettrice per i miei figli.
La favola della buonanotte spetta al babbo e Mina ora legge per conto suo, solitamente quando vede me farlo o prima di addormentarsi.


Noto con piacere che tutti e tre i miei figli si divertono con i libri, li sfogliano, li manipolano, li guardano e ri-guardano; quando vedono una libreria vogliono entrare e si divertono parecchio se li porto in biblioteca.
Un evento a cui ci piace partecipare sono le Giornate di lettura, organizzate dall'associazione locale o da Nati per leggere.

Leggere ai bambini prima che essi apprendano la lettura li porta a contatto con le parole, consentendogli di ampliare il vocabolario e li porta ad apprendere il significato delle intonazioni.
Per attirare la loro attenzione infatti durante la lettura dobbiamo costantemente cambiare il tono di voce, per animare la lettura.

Ascoltare le storie supporta la maturazione intellettuale e leggere insieme è uno dei tanti modi di relazionarsi coi propri bambini, è del tempo dedicato a loro.
Leggere storie aiuta i bambini a conoscere e riconoscere le emozioni.

Durante le Giornate di lettura i bambini hanno la possibilità di entrare in contatto con libri nuovi, di ascoltare abili narratori, di interagire tra di loro in piccoli gruppi, e di farsi leggere un libro dal genitore.
L'ambiente è accogliente, il personale preparato, il tempo scorre piacevolmente.

Dovreste provare, è davvero un momento rilassante.