martedì 10 luglio 2018

Regole per la detenzione di tartarughe d'acqua

Dopo aver parlato delle regole per la detenzione delle tartarughe terrestri (qui) passiamo alle informazione circa le tartarughe acquatiche.


Dal 14 luglio 2016 l'unico animale inserito nella lista - richiesta ai paesi membri dall'Unione Europea - delle specie esotiche invasive è la Trachemys Scripta, meglio nota come tartarughina d'acqua dolce.
Dal 14 febbraio 2018  è in vigore il D.L 230/2017 che vieta la riproduzione, trasporto, acquisto, vendita, scambio, detenzione e rilascio degli esemplari inseriti nella lista delle specie esotiche invasive, animali e vegetali.
Quindi non posso tenere la mia tartarughina d'acqua presa alla fiera per il mio bambino?
Certo che si può, è scritto sul sito del Ministero dell'Ambiente ma si deve denunciarne il possesso, impedirne la riproduzione ed è vietato liberarla in ambiente naturale.

Importantissimo: la denuncia di possesso va fatta entro il 13 agosto 2018 al Ministero dell'Ambiente inoltrando l'apposito modulo:

  • via fax allo 06-57223468 
  • per posta elettronica certificata a pnm-II@pec.minambiente.it
  • per raccomandata A/R a Ministero dell’Ambiente, Direzione Protezione Natura, Divisione II, Via Cristoforo Colombo n. 44 - 00147 - Roma
Per scaricare il modulo Clicca qui.